STORIA 


 

 

 

 

    L'Associazione Culturale Coro Polifonico Femminile “Tonara” prende il nome dal paese natale del coro stesso, Tonara, situato tra i monti del Gennargentu, a circa settanta chilometri da Nuoro, in Sardegna (Italia).

Il coro è sorto nel gennaio del 1998 e si compone di 25 elementi, tutte donne provenienti da svariati settori del mondo del lavoro.

La grande passione per il canto e la musica in genere, insieme all’incoraggiamento della Direttrice del Coro, GIOVANNA DEMURTAS che, al primo incontro, si è trovata davanti una “folla” di donne entusiaste di incominciare questa nuova avventura, hanno fatto sì che iniziasse quest’esperienza che poteva sembrare anche una sfida all’interno del panorama del canto corale, in cui prevalgono essenzialmente i cori misti o i cori maschili. Questi anni di lavoro hanno confermato quelle che erano le aspettative di tutte le coriste: le voci femminili presentano varietà di sfumature e coloriture capaci di valorizzare e arricchire tutti i brani musicali. 

Tra gli scopi principali che il coro si propone vi è quello di educare gli associati al canto polifonico, visto nella sua evoluzione storica e nelle sue varie forme culturali comprendenti in special modo una rivisitazione del patrimonio folkloristico regionale; quest’ultimo aspetto si sta particolarmente curando a partire da qualche anno, con uno studio sulle tradizioni musicali in forma di canto che si sono tramandate quasi esclusivamente per via orale e per tale motivo a rischio di estinzione se non vengono tradotte in forma scritta sia su testo che su pentagramma.

Altro obiettivo dell’Associazione è quello di garantire, nei limiti delle sue possibilità, la propria presenza in tutte quelle iniziative volte a celebrare la pace, la solidarietà e la promozione della persona: il coro è stato presente a numerose manifestazioni e concerti di beneficenza tenutisi sia a Tonara che fuori, il cui scopo era quello di dare un contributo alla realizzazione di alcuni progetti destinati ai paesi del Terzo Mondo (Progetto “Los Quinchos” di Zelinda Roccia in Nicaragua, a favore dei bambini di strada) ed altri volti alla raccolta di fondi per il finanziamento di strutture di accoglienza di persone bisognose di cure e dei loro familiari (Casa “Via di Natale” di Aviano, in Friuli) .    

Il coro ha affrontato lo studio della musica polifonica sacra e presenta nel suo repertorio canti destinati alla celebrazione della Messa e delle altre funzioni religiose. 

Ha al suo attivo anche brani appartenenti alla tradizione nazionale ed internazionale.

In occasione del centenario della morte del poeta tonarese Peppino Mereu, nel 2001, il coro femminile ha dato il suo contributo alla realizzazione del CD “Nanneddu meu” Poesias de Peppino Mereu, con il brano “ Su minestrone” musicato dalla direttrice Giovanna Demurtas.

Nel luglio 2002 è stato ospite del coro El Castel a Sanguinetto, in provincia di Verona,  in occasione della rassegna di canti popolari organizzata annualmente dal coro locale. Nell’aprile 2003 il coro femminile ha a sua volta ospitato a Tonara il Coro veneto in occasione delle festività pasquali e della sagra del torrone.

Nel marzo 2003 il Coro Femminile ha inoltre inciso il suo primo CD intitolato “Amores e Turmentos” che comprende tutti brani in sardo, comprese alcune poesie del poeta Peppino Mereu musicate dalla Direttrice del Coro Giovanna Demurtas.

Nel giugno dello stesso anno ha inoltre partecipato al Festival Internazionale di Canto Corale svoltosi in Val Pusteria (Bolzano).

Nel dicembre successivo è stato ospite del Coro “Rutuli Cantores” di Ardea, in provincia di Roma: in questa occasione il Coro Femminile ha tenuto due concerti, uno nella Chiesa di Santa Maria del Popolo a Roma e un altro ad Ardea nella Chiesa di S. Lorenzo Martire. 

Dal 29 luglio al 1° agosto 2004 il Coro Femminile si è recato in Austria, a Graz, capoluogo della Stiria in cui ha preso parte al “Festival Internazionale di Cori Stiriano”. L’esperienza canora internazionale, la prima per il coro femminile tonarese (unico coro italiano presente alla manifestazione), ha rappresentato un momento molto importante ed intenso di arricchimento musicale e umano per la presenza dei numerosi cori provenienti da diverse parti del mondo; con tutti loro le componenti del coro sono riuscite a stabilire un forte rapporto di stima e di collaborazione che supera le barriere linguistiche e le diversità culturali.

Nel novembre 2004 è stato ospite, in Svizzera, del Circolo sardo “Coghinas” di Bodio, nel Canton Ticino. L’incontro delle coriste con i loro conterranei è stato molto coinvolgente per entrambi e notevole ammirazione hanno suscitato i canti in lingua sarda che hanno contribuito a rafforzare ulteriormente i legami di appartenenza degli emigrati sardi alla loro isola.

Nel marzo 2005 e 2006 il coro ha avuto l'onore di partecipare, a Roma, alla Celebrazione Mariana che ha avuto luogo in sala Nervi in Vaticano, in occasione della Giornata Europea degli Universitari, in presenza del Pontefice Benedetto XVI, trasmessa su RAI 2 e in mondovisione via satellite da Sat-2000.
Dal 2005 organizza una Rassegna Corale Internazionale che ha visto finora la presenza dei cori locali, del Coro "San Osvaldo" del Trentino e di due corali spagnole: "L'Espigò" di Sant Pol de Mar e "Joia d'Alella" di Barcellona (2005); del coro finlandese "Helsingin Laulu" di Helsinki, dei "Rutuli Cantores" di Ardea (2006); della corale femminile di Tarbes (Francia) "Les Filles du Sud", del coro alpino "La Preara" di Caprino Veronese (Verona) (2007); del Coro "Adriatic" di Crevatini (Slovenia), del Coro "Burcina" di Biella, della Vocale "Alter Ego", di Roncegno Terme (Trento) (2009); del coro "Les Choeurs du Mercantour" di Saint Martin Vésubie (Nizza-Francia), del Coro alpino "Monte Nero" di Cividale del Friuli (2011); del Coro Femminile "Torre Alata di Borgo d'Ale (Vercelli) (2015);
del coro "Choeur de Femmes du Mercantour", di Saint-Martin-Vésubie (Francia); del coro "Torre Franca" di Mattarello (Trento) (2017).

Il Coro "L'Espigò" ha ricambiato l'invito nel luglio successivo, ospitando le coriste tonaresi a Sant Pol de Mar (Barcellona) in occasione delle festività locali dedicate a S. Jaume: tre giorni intensissimi durante i quali il coro femminile ha partecipato ad un concerto e a celebrazioni religiose insieme al coro spagnolo che ha offerto alle coriste sarde una cordiale ospitalità.

A fine novembre 2005, altra trasferta internazionale a Praga (Repubblica Ceca) in cui il coro ha partecipato al XV Festival Internazionale di Canti d'Avvento e natalizi, ottenendo un lusinghiero riconoscimento da parte della giuria.

A fine ottobre 2006 le coriste sono state ospiti del coro "San Osvaldo" a Roncegno Terme (Trento), in occasione dei festeggiamenti locali che si svolgono tutti gli anni in autunno. L'accoglienza è stata entusiasmante ed il pubblico presente ha dimostrato di apprezzare molto le polifonie sarde eseguite dal coro femminile.

Tra gli appuntamenti di fine anno è da annoverare il Premio "Voci di Natale" svoltosi ad Ala Birdi (Arborea), che si è concluso con un apprezzabile 2°premio assegnato al Coro di Tonara.

Nel giugno 2007 il coro è stato invitato dal circolo sardo "Su Nuraghe" di Biella dove ha partecipato alla manifestazione di "Sa Sartigliedda" con concerto, Messa cantata e sfilata lungo le strade della città.

Nell'aprile del 2008 a Caprino Veronese (Verona), in occasione del gemellaggio col Coro "La Preara" di Lubiara, ha partecipato alla 33^ Rassegna di Canti della Montagna. In settembre dello stesso anno a Farnese (Viterbo), ha preso parte alla "Prima festa della Pastorizia". Agli inizi di ottobre è stato ospite della corale francese "Les Filles du Sud" a Séméac (Midi-Pyrénées, Francia) con la quale ha stretto un rapporto di amicizia oltre che musicale. In dicembre ha avviato una interessante collaborazione con i musicisti Marco Piras e il baritono Paolo Zicconi partecipando a Tresnuraghes al Recital "Andiras".

In aprile del 2009 il Coro si è esibito a Sassari al Conservatorio di Musica in occasione della Laurea in Direzione di Coro della Direttrice Giovanna Demurtas.

Nel maggio 2010 si è recato a Capodistria (Slovenia), per il gemellaggio col Coro "Adriatic" di Crevatini (Slovenia), partecipando al "Concerto di canto e musica popolare sarda": in tale occasione non solo la polifonia sarda è stata protagonista ma la Sardegna tutta con le sue tradizioni, i suoi prodotti alimentari, i suoi costumi.

(2012) Le coriste tonaresi hanno iniziato da alcuni anni la ricerca e la valorizzazione di brani antichi di Tonara appartenenti alla tradizione canora del mondo femminile che accompagnano le varie fase della vita e che sono stati elaborati dalla direttrice. Il progetto si è concretizzato nella realizzazione di un DVD e un CD intitolato “Alidos de vida” contenente dieci brani strettamente collegati a immagini video e foto che suggellano e fanno da sfondo ai canti tradizionali interpretati da alcune anziane donne di Tonara e poi messi a confronto con l’interpretazione del coro femminile. Il lavoro, presentato a Tonara nel marzo 2012, è stato oggetto di favorevoli elogi e consensi anche da parte dei media: Rai 3 “Il Settimanale”, curato da Tonino Oppes, gli ha dedicato un accurato servizio televisivo che ne ha messo in risalto la qualità e il valore culturale.  

Dal 17 al 20 maggio dello stesso anno è stato invitato dal coro "Les Choeurs du Mercantour" di St-Martin-Vésubie, nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra (Francia), dove ha trascorso dei bellissimi giorni ricchi di incontri musicali in alcune suggestive località della Francia del sud (Nizza, Carros, Agay, St-Martin-Vésubie) che gli amici del coro "Les Choeurs du Mercantour" hanno fatto loro apprezzare grazie alla generosa ospitalità e amicizia che hanno saputo dimostrare. Durante queste giornate è stato molto significativo l'intervento del sindaco di St-Martin-Vésubie, Gaston Franco, deputato al Parlamento europeo nonchè referente del Partito Popolare Europeo sulle questioni energetiche e Presidente dell'intergruppo sulla foresta, il quale ha sottolineato le forti similitudini ambientali ed economiche esistenti tra il suo paese e quello di Tonara, entrambi comuni di montagna con i loro problemi ma anche con le loro potenzialità di sviluppo turistico eco-sostenibile. Molto interessante inoltre l'intervento del prof. Eric Gili che ha sottolineato... lo stretto legame tra la Sardegna e la Contea di Nizza che hanno condiviso per 140 anni un destino comune sotto l'autorità del duca di Savoia; numerosi i caratteri comuni tra le due "isole". Alcuni non paragonano forse la Contea di Nizza ad un'isola? Delle culture "sorelle" le cui particolarità si declinano nel modo seguente: un paese di montagna, situato a 900 metri di altitudine, ai piedi delle cime più imponenti delle loro rispettive regioni, un'agricoltura di sopravvivenza, in cui le castagne e la segale hanno a lungo provveduto ai bisogni essenziali degli abitanti…obbligati ad integrare le proprie risorse con l'importazione di prodotti mancanti o insufficienti (a San Martino, vi era solo olio di noci, una piccola produzione di vino ma anche altri cereali importanti…); tutto ciò animava un piccolo commercio che attraversava i passi di montagna e che permetteva anche di trasportare il sale indispensabile alla conservazione degli alimenti e alle necessità del gregge, e di esportare scarse ma essenziali produzioni locali come il formaggio e il tessuto…: tutto ciò ha suggellato ancor più il legame tra le due località.

Dal 19 al 22 aprile del 2013 le coriste tonaresi sono state ospiti del Coro "Monte Nero" di Cividale del Friuli in occasione della commemorazione "Un angelo in grigioverde", Cividale ricorda l'alpino sardo Luca Sanna, caduto in Afganistan. Sono stati dei giorni carichi di emozioni anche per la presenza dei familiari dell'alpino di Samugheo e di avvenimenti che hanno reso indimenticabili le giornate friulane per le quali le coriste sono infinitamente grate ai cari amici del Coro "Monte Nero" che sono stati di una ospitalità eccezionale.

Nel settembre dello stesso anno la direttrice Giovanna Demurtas, sempre più concentrata nei suoi impegni professionali, decide di lasciare la guida del coro e il maestro GIANPAOLO SELLONI ne assume la nuova direzione. Con lui il coro affronta nuovi orizzonti musicali che vanno dal jazz alla musica d'autore e si cimenta in nuove sperimentazioni.

Nel maggio 2014 il coro è stato invitato al Teatro Lirico di Cagliari per partecipare alla manifestazione, "Boghes" - Voci e Canti della Sardegna (XIV Festival di Sant'Efisio), con musiche di Ennio Porrino, Franco Oppo, Giovanna Demurtas e con canti della tradizione religiosa e profana; è stata un'esperienza molto gratificante e significativa per il coro che ha avuto modo di presentare alcuni brani composti dalla ex-direttrice Giovanna Demurtas facenti parte dell'ultimo lavoro "Alidos de vida".

Nel luglio successivo le coriste hanno curato a Tonara una rassegna jazz a cui hanno partecipato la Big Band CDJ Projet Orchestra Jazz diretta da Gianpaolo Selloni, l'insieme vocale trentino "Alter Ego", Roberto Tangianu, Riccardo Marongiu.

In ottobre si sono recate in Ungheria a Budapest, Esztergom, Dorog dove hanno preso parte a concerti e ad incontri internazionali di cori riscuotendo interesse ed apprezzamenti.

Nel gennaio 2015 Gianpaolo Selloni, per nuovi impegni professionali, non può più curare la direzione del coro e viene chiamata una nuova direttrice, GRAZIA MISCERA, cantante lirica e pianista.

Nel maggio dello stesso anno il coro viene invitato a partecipare alla 359^Festa di Sant'Efisio a Cagliari dove il pubblico gli ha rivolto applausi calorosi.

In settembre subentra un nuovo maestro CLAUDIO QUIRICO SERRA, giovane e già apprezzato direttore di altri cori dell'oristanese e del nuorese.

Il 2016 è iniziato con una nuova e rinnovata energia che hanno portato le coriste ad un sempre maggiore impegno e massima concentrazione nello studio dei vari brani. In settembre il coro viene invitato in Piemonte, a Borgo d'Ale in provincia di Vercelli, ospiti del coro "Torre Alata" con cui ha condiviso delle bellissime e interessanti serate musicali suggellate dalla grande ospitalità delle coriste e di tutti gli abitanti di Borgo d'Ale.

 

 

 

per contattarci: corofem@hotmail.com